mercoledì 2 aprile 2008

Falò alla diossina...

Conosco una persona laureata in chimica che lavora da molti anni nell’ambito dei rifiuti per un ente nazionale. Non faccio nomi in quanto non sono necessari per il fine del mio racconto. Questa persona, chiamiamolo Pippo, ha a che fare tutti i giorni con diossina, rifiuti tossici ecc… in più essendo un chimico ne sa parecchie sulla pericolosità dei rifiuti e sul loro trattamento più idoneo.
Cosa angosciante, che a distanza di molti mesi non mi riesce accettare è questa. La mamma di Pippo ha un terreno in cui coltiva l’uva, l’orto, olive e quant’ altro… proprio dietro casa… inspiegabilmente si crea sempre molta immondizia perché l’italiano medio se ne frega che quello è il suo terreno e butta le buste e altri rifiuti persino sul proprio terreno. Un giorno in cui eravamo tutti li per raccogliere l’uva ho assistito, insieme ad un Pippo impassibile ad un falò. Ma un bel falò però… la mamma aveva raccolto rami e rifiuti vari, la maggior parte di plastica e aveva acceso questo fuoco in onore del dio Cancro probabilmente… ancora mi chiedo come fa il figlio, competente in materia a non dire niente sulla pericolosità di quel gesto alla mamma, poverina, ignorante!?! Non mi capacito proprio di come può succedere. E allora dico se un laureato, per di più del settore, esperto, se ne frega altamente di non far bruciare la plastica, come pretendiamo che i zingari smettano di bruciare i fili per recuperare il rame oppure la gente disperata i rifiuti davanti casa!?!
L’ignoranza a volte non ha niente a che fare con le cose che uno sa… l’ignoranza uno ce l’ha nell’anima, ed è difficile da sconfiggere anche con tutte le lauree di questo mondo… perché assomiglia molto all’indifferenza.

3 commenti:

Doctor P ha detto...

Il laureato in questione cosa ha da dire?

laura ha detto...

non so cosa dica...
non glielo posso chiedere...

hai visto che il progetto di Rubbia è stato accettato anche da noi!?

Blue ha detto...

L’ignoranza a volte non ha niente a che fare con le cose che uno sa… l’ignoranza uno ce l’ha nell’anima, ed è difficile da sconfiggere anche con tutte le lauree di questo mondo… perché assomiglia molto all’indifferenza...